Archivi categoria: design

Il cappello appeso

Un problema frequente degli universitari, quindi abitanti di piccole case, è che arriva un punto in cui vestiti e oggetti sembrano aver preso possesso della nostra casa. Sono ovunque. Lo spazio inizia a scarseggiare, l’unico angolo in cui è possibile organizzare una cena è  in bagno  tra il lavandino ed la lavatrice.

Arrivati a questo punto, si inizia ad esplorare angoli nuovi della casa da colonizzare ed entra in gioco l’interior designer celato in noi e si scopre l’appendiabiti, quello sconosciuto che tanto può contribuire ad un miglior ordine.

Oggi riportiamo una serie di idee fai-da-te per tenere sempre sotto controllo il cappello che ogni mattina durante il freddo inverno accompagna le vostre corse, pedalate, a lavoro, all’università, a scuola.

Sicuramente l’ingresso della vostra casa non sarà più lo stesso.

Create, create e create!

 

 

 

Contrassegnato da tag

Enza fasano

Il design day oggi gioca in casa Milano, Angelo.

 

Enza Fasano, ceramista di Grottaglie, figlia del maestro d’arte Nicola Fasano, è riuscita a dare una scossa alla tradizione con le sue creazioni dalle nuove forme e  insoliti giochi cromatici

 

Il suo showroom è come una casa tutta da scoprire, in ogni angolo, in ogni stanza c’è una diversa ambientazione fino ad arrivare al terrazzo con l’esposizione di oggetti da esterno.

 

Ringrazio la mia amica Ilaria che dal Piemonte mi ha fatto scoprire ed amare qualcosa che avevo a due passi da casa ma che non avevo mai apprezzato.

 

La bellezza è davvero dietro l’angolo!

 

Marti

 

Contrassegnato da tag ,

ROBA DI SANGUE

Non gli bastava portare i più famosi street arter in una piccola cittadina della Puglia famosa per le sue ceramiche, fare “ imbrattare” i muri, fare incazzare i cittadini, fare diventare questo l’evento più atteso di settembre, il  FAME FESTIVAL .

Ha proprio fame Angelo Milano, la mente creativa di tutto ciò.

Fame della sua terra, di dare alla Puglia ciò che si merita! Perchè  nel 2012 , in un piccolo laboratorio di stampa artigianale, s’è inventato Roba di Sangue.

Probabilmente perchè a “buttare il sangue” lavorando è lui stesso ( se immaginavate una fabbrica di cinesi a lavorare h 24, forget about, il cinese è lui) che stampa delle cartoline a modo suo: una collezione di magliette e costumi da bagno che parlano di muretti a secco , di Grottaglie e di tanti scorci che solo ad una mente come la sua non potevano certo sfuggire.

E noi che non ci facciamo sfuggire nulla, siamo felici di dedicargli la settimana.

A lui, alla Puglia, al made in italy e ad uno sperato ritorno alle tradizioni!

Greetings form Puglia!

Marti

ROBA DI SANGUE

STUDIO CROMIE

Contrassegnato da tag , , ,

Per fare una vetrina, ci vuole un mattone, per fare un mattone…

La vetrina di un negozio è l’interfaccia tra il passante/ipotetico acquirente e il negozio stesso, quindi unico mezzo che può indurre in tentazione.

Bene. Andiamo oltre. Oltre ai prodotti esposti c’è un dettaglio da non sottovalutare: l’allestimento. Sì bella le borse, belle le scarpe, belli i vestiti ma non basta più e a volte basta davvero poco per creare una vetrina “ da un sacco di like”.

 

Wok store, il negozio della nostra Simona Citarella, in via col di lana a Milano, è sempre impeccabile nell’allestimento e stupisce sempre durante la Design week in aprile ( don’t miss it!).

Le vetrine della Rinascente a Milano sono ormai una tappa obbligatoria non solo per le fashionistas, per non parlare poi dei big francesi come Louis Vuitton, Hermes dai quali c’è solo da imparare.

 

Qual è la vetrina più bella nella vostra città?

instagrammate, instagrammate e instagrammate!

 

Martina

 

 

Wok store

 

Aesop shop

Rinascente Milano

 

Altreforme

per Moschino – design week 2012 Milano

 

 

la designer giapponese Yavoi Kusama per Louis Vuitton

Contrassegnato da tag , ,

DO!

Rag&boniani e non, oggi voglio raccontare di due negozi, di ambiente, di artigianato.

 

Il primo negozio è a Madrid ed è in assoluto il mio preferito nella Capital.

In calle Fernando VI, troverete uno spazio a metà tra interior design, moda, cafè, cartoleria, galleria d’arte.

Il tutto interpretato attraverso la stessa visione: quella di Lucía Ruix Rivas, una ragazza minuta e gentile che ha sfidato la crisi chiamando il suo concept store “DO” perchè tutto ciò che si deve fare è semplicemente FARE.

 

L’altro è a Islington, Londra e si chiama Folklore. Per ora l’ho solo visitato online, ed è stato subito amore. E’ di Danielle Reid e suo marito Rob il piccolo store con muri rivestiti da assi di vecchi parquet e tavole di impalcature.

I coniugi Reid lavorano con artigiani e designers,  ricercano qualità, semplicità, selezionando prodotti che durino nel tempo. Un concetto lontano dal made in China.

Alcuni sono fatti a mano, altri sono pezzi antichi o realizzati da materiali di riciclo.

Bravi e generosi i Reid. Il 15 % del loro profitto è destinato all’organizzazione no profit Shanti Microfinance che promuove l’imprenditoria e la sostenibilità in alcuni tra i più poveri villaggi in India.

 

Martina

 

DO design Madrid

 

 

 

 

Folklore London

 

 

Contrassegnato da tag , ,

New York New York

Eccoci all’appuntamento con la citta’ che pullula di movimenti etnici e incroci di culture,  basta solo girare l’ angolo. Per il nostro viaggio nel “cobra week newyorkese” spaziamo dall’upper east al cuore pulsante della city dove si trova ABC carpet & home, mecca imperdibile per gli amanti di fashion e design.. fino all’energica Brooklyn, vibrante di design all’ultimo grido, tendenze, stili,  insomma molto cool e fashionable, ma sopratutto creativa. La parola del giorno e’ etno chic, artigianato, tribal patterns, aztec vest, platform ankle boots. Mi sono innamorata del wallpaper tribale disegnati a mano della designer Shanan Campanaro nel suo studio di Brooklyn, del preziosissimo anello cobra di ABC carpet & home e della consolle con piedini  rossi della casa dell’artista Christian Chiappa. . Enjoy the trip! It’s all in New York city!

Contrassegnato da tag , , ,

COBRA’S HOUSE

Quando ci troviamo davanti ad una casa nuova, presi dall’entusiasmo e dalle mani bucate, tendiamo a comprare tutto e subito. Dal divano al porta spazzolini. Inoltre tendiamo a sottovalutare le nostre competenze artigiane nascoste, per esempio un pallet trasformato da noi in un tavolino (trasformazione vista e rivista sì) resta sempre una valida alternativa al tavolino GiovanninoArredamenti.
La nostra casa invece ha bisogno di tempo e cura.
I viaggi sono spesso un’occasione perfetta per regalare al nostro rifugio quel tocco di personalità che manca. Basti pensare a quanta soddisfazione proviamo nel dire (magari a seguito di un complimento):” Questo tappeto l’ho comprato in Marocco!”.

Oggi il nostro viaggio ci conduce nella casa del Cobra, tra pelli, legno grezzo e colori accesi..
Bon voyage.

Martina

Contrassegnato da tag , ,
Mahani Del Borrello

photography | illustration | art

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.